Nell'immaginario collettivo i palestinesi sono gli arabi: cattivi e terroristi che inneggiano alla guerra anche in nome della religione; gli israeliani sono gli ebrei: i buoni che soccombono da sempre.


Diventa difficile dire chi ha ragione e chi ha torto, da una parte gli ebrei, che sono stati storicamente cacciati dalla loro terra e dall'altra i palestinesi che si sono visti portare via i loro territori, ma è importante analizzare i fatti storici per capire meglio la situazione.

Alla fine secolo XIX nacquero alcuni gruppi sionisti (lett. = quelli della terra di Sion) che si posero l'obiettivo di creare uno stato per gli ebrei sparsi per il mondo, per dare una terra ad un popolo con usanze e tradizioni che mal si adattano all'integrazione con altri popoli.
Vennero presi in considerazione diversi luoghi, dalla Pampa argentina ad una zona del Kenya. Si decise poi per le terre del Sinai che rispondevano maggiormente al desiderio degli ebrei di ritornare nella terra promessa.
Solo che i territori palestinesi non erano liberi, ma erano abitati da arabi fin dai tempi della caduta dell'Impero Romano.

La risoluzione ONU 181 del 1947 intitolata "Piano di partizione della Palestina" prevedeva una suddivisione dei territori e delle risorse inaccettabile per i palestinesi e per qualunque altro popolo:
la maggior parte delle terre (il 55%) sarebbe dovuto andare agli israeliani che avevano una percentuale del 33% di popolazione;
i palestinesi non avrebbero avuto sbocchi sul mar Rosso;
la gran parte dei villaggi ebraici sarebbe stata inglobata in territori ebraici mentre questo non si sarebbe verificato per i territori palestinesi;
il territorio destinato agli israeliani è contiguo, al contrario quello dei palestinesi è frammentato in porzioni separate: Cisgiordania, Gerusalemme est e la Striscia di Gaza.

E' una pianificazione territoriale impensabile! Si tende a dare torto agli arabi con la colpa di non aver accettato la risoluzione ONU, ma chi avrebbe accettato queste condizioni?
Come se non bastasse gli israeliani stanno sottraendo ai palestinesi più territori di quelli che gli sono stati assegnati dalla risoluzione ONU.

Oltre tutto i canali di informazione come al solito raccontano quello che fa comodo che la gente sappia.
L'opinione pubblica viene diretta in due modi:
1) Su questo argomento non si sentono mai commenti da parte di ebrei praticanti (oppure non ce li fanno sentire). Questo porta la gente a pensare che le comunità ebraiche sparse per il mondo siano in accordo con la politica di Israele. Comunemente l'ebreo è visto come un buono, gran lavoratore, senza vizi e molto osservante della religione. Anche i politici israeliani sono così?
2) Sfruttando l'orrenda strage, vergogna indelebile dell'umanità, perpetrata nei confronti degli Ebrei, si dirige il pensiero della gente verso l'assoluta ragione del popolo di Israele nel pretendere le terre abitate dai palestinesi. Se qualche popolo pretendesse di occupare l'Italia dicendo di essere i discendenti dei Longobardi, noi cosa diremmo?

C'è addirittura confusione tra la parola "ebreo" e  "israeliano"! Ricordiamoci che "ebreo" è colui che segue la religione ebraica, israeliano è colui che ha cittadinanza nello stato di Israele. Per fare un paragone possiamo dire che colui che segue la religione cristiana cattolica non è per forza anche un Italiano e vice versa.

Intanto israeliani e palestinesi sono ancora in guerra. Ma cosa fanno le altre Nazioni, oltre che rifornirli sia di armamenti che di ambulanze, addestrare militari e mandare aiuti umanitari?

Paolo Barnard ha descritto molto bene questa situazione, questi filmati meritano di essere guardati.


Per maggiori informazioni sugli eventi storici:  http://www.luogocomune.net/site/modules/sections/index.php?op=viewarticle&artid=10

Ti è piaciuto questo articolo? Vuoi dire la tua? Lascia un messaggio sul Forum di VoxPopulix nella sezione disconnessi.org.


Commenti  

+2 #10 RE: Israeliani o palestinesi... chi ha ragione?Rocco 2011-05-19 23:25
QUESTOdilemmaDE GLIisraelianiEp alestinesiMIven neDAItempiDELLE scuoleMEDIEquan doSTUDIAVOlaSTO RIA.DEVOdireCHE giàALLORAmiVENN El'istintoDIdar eDELLEriflessio niEnonSAPEVOnie nteDELLAvolontà DEGLIebreiDItro vareUNpostoDOVE fondareLAloroNA ZIONEgiàPRIMAde l900.NONOSTANTE DISPIACIUTO DALLE VICENDE BRUTALI DELL'OLOCAUSTO PENSAVO CHE GLI EBREI AVREBBERO APPROFITTATO DEI PALESTINESI.UNO DEI MOTIVI CHE MI RIMASERO PIU IMPRESSI ALLORA NON ERA IL FATTO CHE L'ONU AVREBBE DATO DEI TERRITORI AGLI EBREI,ANCHE PERCHE IO A QUEI TEMPI PARTIVO DAL FATTO KE AVENDO SUBITO L'OLOCAUSTO MI SEMBRAVA GIUSTO E NORMALE CHE TRA DI LORO NACQUE IL SENTIMENTO NAZIONALISTA ECC.
MA LA COSA CHE NON MI PIACQUE ERA VEDERE COME NEL PASSAR DEL TEMPO GLI EBREI OCCUPAVANO SEMPRE PIU TERRITORI PALESTINESI.
ALLORA MI VENNE UN'ALTRA RIFLESSIONE SPONTANEA A QUEI TEMPI:COME PUO UN POPOLO DOPO AVER SUBITO QUELLE BARBARIE COMPORTARSI A QUELLA MANIERA.NON PROVANDO UN PO DI COMPASSIONE PER IL DISAGIO MAGARI PURE GIUSTAMENTE ARRECATO?
Citazione
-1 #9 RE: Israeliani o palestinesi... chi ha ragione?Ghigo 2011-04-16 09:29
Scommetto che sei di sinistra ! Ti sei dolcemente ma nettamente schierato decantando alcune ragioni a favore dei palestinesi che da quello che mi risulta pur non avendo tutti i torti sono stati i primi a spargere sangue dando il via ad azioni vergognose per tutta l'umanità. Non mi pare di aver notato la parola fondamentalisti , che è quello che sono. Anche noi cattolici lo siamo stati ma il Medioevo è finito da oltre 500 anni. E per quelle cose se Dio vuole ce ne vergognamo ancora oggi. Io starei più attento a schierarmi da una parte o dall'altra anche perchè hanno sia ragioni che torti entrambi.
Citazione
0 #8 RE: Israeliani o palestinesi... chi ha ragione?Ferrara 2011-01-27 19:17
Complimenti per l'articolo, è stupendo sia come impaginazione che come contenuti :-) Sono felice che piano piano molti cominciano a capire la verità.. e che non vengano paragonati gli arabi a dei terroristi, perchè sono molte le cose che parecchi non sanno. Io conosco molti arabi, italiani, albanesi, cinesi..in ogni popolo c'è il male e il bene :P
Citazione
0 #7 RE: Israeliani o palestinesi... chi ha ragione?anonimo 2010-10-14 15:03
cm ti permetti io sn un'italiana e nn mi faccio sottomettere dai ragazzini CAPITO!!!!! >:-(
Citazione
-2 #6 RE: Israeliani o palestinesi... chi ha ragione?anonimo 2010-10-14 14:59
che brutte cose che succedono. io odio la guerra, perche non esiste la pace in tutto il mondo!!!!! io adoro le persone soprattutto i miei amici e nn vorrei mai litigare con loro punto e basta....
EVVIVA LA PACE!!!:D
Citazione
+1 #5 marwa 2010-06-01 16:43
avete ragione!! almeno qualcuno che dice la verita!!!
Citazione
+1 #4 hai letto tutto o...Dario 2010-01-19 12:32
"nell'immaggina rio collettivo gli italiani sono disonesti ecc ecc, se in un posto non ci sei stai e la gente di quel posto non l'hai vissuta, non ne parlare, finisci per cadere nei soliti stereotipi."

...ti sei fermato solo alla prima frase? :P
Se invece hai letto tutto direi che la tua è una sacrosanta verità. Vero è anche che andare personalmente là per farsi una idea "in presa diretta" non è proprio una passeggiata. Per cui si cerca di sentire varie campane, si cerca di stimolare il dialogo e magari si ascolta qualcuno che vive o ha vissuto quella esperienza. Poi si cerca di farsi una idea e magari condividerla ;-)
Citazione
0 #3 Guest 2010-01-18 23:48
nell'immagginar io collettivo gli italiani sono disonesti ecc ecc, se in un posto non ci sei stai e la gente di quel posto non l'hai vissuta, non ne parlare, finisci per cadere nei soliti stereotipi.
Citazione
0 #2 anonimo 2010-01-05 02:30
Complimenti per il tuo articolo l'ho molto gradito ! ;-)
Se mi permetti, devo aggiungere assolutamente il fattore "america" !
L'America è stata sempre fonte di grande supporto per lo stato Israeliano è ciò ha fatto si che la maggior parte delle informazione trasmesse dai media siano sempre state in qualche modo limitate.
Basta pensare all'incredibile capacità da parte di essi, di contorcere le menti altrui !

Appena ho un po di tempo aggiungo qualcosina !
complimenti !
Citazione
0 #1 israele palestina liberi e indipendentiahmose 2009-08-08 06:32
il concetto che esprime paolo è giusto fina al principio della nn riconoscibilità del popolo palestinese ma la questione è molto più remota rispetto alle circostanze conferenziali da lui citate la terra che venne promessa agli ebrei da mosè conprendeva un territorio ben preciso che con l'andare del tempo e la scissione tra esseni ed il resto degli altri ebrei divenne sempre più questione di contraddizione e contesa tra i due popoli i mosaici e gli aronniti che entrambi vantano un concetto di appartenenza prioritaria della promessa fatta in passato la questione dei due stati indipendenti è l'unica soluzione possibile al conflitto ad oggi meramente speculativo e di interesse esclusivamente politico economico che niente ha che vedere col principio mosaico della terra promessa mai mosè avrebbe voluto vedere fratelli in lotta tra di loro per un pezzo di terra
Citazione

Consigli di Google

Link disconnessi

Alexandria Book Library

abook-button-blue

Backup MX

BackupMX

Cerca nel sito