coscienzaPiccolo svago letterario. Lo lascio qui, così com'è venuto fuori (quasi).
Una specie di "twitterata" un po' lunga.
Buona lettura.

P.S.: mi piacerebbe sapere se ti ha trasmesso qualcosa, anche un commento anonimo qui in fondo. Grazie.

 

«Ciao. Sono io.»
«Io chi?»
«Io, te.»
«Non capisco, cosa vuoi dire?»
«Sono io, la tua coscienza.»
«E mi parli al telefono?»
«Beh, sto cercando in tutti i modi di richiamare la tua attenzione. E visto che il telefono è la cosa con cui parli più spesso, ci provo così.»
«A me sembra una stronzata.»
«Anche a me, ovviamente.»
«Anche questo dialogo è una stronzata e non capisco perchè sto continuando a parlarti.»
«Perchè non puoi farne a meno, sono la tua coscienza.»
«Quindi se adesso chiudo la chiamata dovrei continuare a sentirti giusto?»
«Giusto, ma è davvero ciò che vorresti fare? Davvero intendi non parlare con me, la tua coscienza?»
«Basta.»

-click-

Lo sapevo. Ma dovevo tentare comunque, in fin dei conti sono la tua coscienza.

Commenti  

0 #1 CONSAPEVOLEZZApashianti 2011-11-14 13:09
Povera coscienza!!! Le prova tutte, anche il telefono. Ma l'occhialuto uomo non è solo cieco, è anche sordo e troppo impegnato a dare ascolto a cose prive di senso e contenuto, al suo miserabile quotidiano per sentire la voce sempre più flebile della coscienza (ma esiste ancora... la coscienza?). Tuttavia voglio essere fiduciosa nella grande Trasformazione che è in atto. Tanti piccoli uomini e donne si stanno sintonizzando sulle vibrazioni della consapevolezza. Sono silenziosi e discreti ma piano piano le loro vibrazioni finiranno col creare un canto sempre più forte e travolgente che coinvolgerà tutti gli Esseri di questo meraviglioso pianeta. Allora accadrà il RISVEGLIO. E chi ha orecchie per in tendere intenda... così sentirà anche lo squillo del telefono.
Citazione

Consigli di Google

Link disconnessi

Alexandria Book Library

abook-button-blue

Backup MX

BackupMX

Cerca nel sito