Quali idee può produrre la nostra mente? Fino a dove può spingersi l'inventiva della mente umana?

Supponiamo di avere di fronte a noi una scatola chiusa. Cosa contiene?

La fisica quantistica ci dice che il suo contenuto si materializzerà solo nell'esatto momento in cui noi andremo ad aprire la scatola. Prima di allora la scatola può contenere qualunque cosa, oppure niente.

Chi sei? Come ti senti? Ti senti una persona felice? Sei serena o sereno? Ti trovi a tuo agio nei confronti di altre persone?
Queste sono solo una piccolissima parte delle domande che possono aiutare a capire qual'è l'immagine che abbiamo di noi stessi e se ci appaga.

Volevo ringraziarti amore mio.

Certo, dovrei ringraziarti ogni mattina e ogni sera prima di andare a dormire. Ma oggi voglio ringraziarti per una cosa in particolare.

Sembra il titolone di un sermone filosofico - religioso.
Però è il tentativo di spiegare il significato del titolo del racconto "È tutto maya".
Secondo una dottrina filosofica e religiosa di origine indiana l'essere umano percepisce in modo alterato la realtà del mondo che lo circonda.
La causa di questa distorsione è il corpo in cui ci troviamo, fatto di ossa e muscoli e ciccia e brufoli. Orecchie in grado di percepire solo una parte dei suoni che esistono, occhi che vedono solo una piccola parte della luce esistente.

Un uomo dall'aspetto non occidentale si avvicina ad un banco della frutta in un mercato rionale.
L'uomo osserva per qualche istante il banco, dice qualcosa al fruttivendolo, poi prende una mela. Scambia ancora qualche parola mentre soppesa la mela.
Ad un tratto si volta verso la strada, guarda ancora un attimo il commerciante, poi inizia a correre furiosamente.

Il fruttivendolo alza la mano, poi la porta alla bocca e grida qualcosa all'uomo in corsa.

E' sera, finalmente si va a dormire. Posso permettermi di chiudere gli occhi, adesso si può.
Chiudo gli occhi e posso andare ovunque, essere chiunque, tutto è possibile. Io decido su tutto e tutto va come voglio, ciò che non posso controllare semplicemente non esiste o non interagisce con me.

No, non sto bene, non sto un cazzo bene.
Come si fa ad accettare una vita sempre uguale? Ieri ho fatto le cose che sto facendo oggi e che farò anche domani. Cose che non ho deciso io di fare.
La mattina ti alzi all'ora decisa dal tuo lavoro, fai colazione mangiando cose decise dalla tua salute (perchè quelle che sceglierei io fanno male), vai a fare un'oretta di movimento altrimenti il tuo fisico si rattrappisce, vai a lavorare per tutto il giorno, facendo cose che vogliono gli altri.

Sono attratto dalla fotografia perché mi dà l'opportunità di stare fermo mentre tutto intorno a me si muove.

Ho la sensazione di osservare il flusso del tempo scorrere di fronte a me, vedo il mondo in movimento e io sono fermo lì, ad osservarlo, concentrato su piccoli ed insignificanti dettagli, oppure distrattamente vigile con lo sguardo, ma assorto nei miei pensieri.

Un pozzo

Cerco di restare aggrappato, ma sento che la presa non è salda.

Scivolo sempre più giù, verso il fondo.

Ogni tanto riesco ad arrampicarmi un pochino, e sembro felice, mi sento felice.

Ma inevitabilmente la presa si allenta e io scivolo sempre più in basso.

Bambino con fioreStiamo vivendo un periodo della nostra esistenza in cui le condizioni di vita sono leggermente peggiori rispetto a pochi anni prima.

Ovviamente sto parlando di noi qui, in Italia. In altre parti del mondo le condizioni di vita non sono neanche paragonabili al nostro stile, sia in un verso che nell'altro.
Abbiamo, chi più e chi meno, la tendenza ad abituarci ad una condizione di vita migliore ma a soffrire per una condizione di vita meno agiata, anche se di poco.

Fatichiamo a guardare il presente e a considerare in modo obiettivo quanto abbiamo e in quali condizioni di vita stiamo vivendo.

bruco-farfallaUn piccolo bruco camminava verso una grande montagna. Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese: "dove vai"? Il bruco rispose: "ieri ho fatto un sogno nel quale mi trovavo sulla cima di una montagna e da lì potevo vedere tutta la valle. Oggi voglio realizzare il mio sogno".

Sorpresa, la coccinella gli disse: "devi essere pazzo! Tu sei solo un piccolo bruco.

glossaryQuesto ultra piccolissimo glossario è solo di appoggio al racconto "Quando i sistemisti governarono la Terra", non pensare quindi di trovare qui tante definizioni di termini informatici e nemmeno definizioni enciclopediche. E' stato creato al solo scopo di aiutare i lettori poco pratici di termini informatici a districarsi su alcune parole presenti nel racconto.

Ecco quindi le varie definizioni:

Omino che tenta di gonfiare una batteria con una pompa per biciclette

Non mi dire che tu sai esattamente quante ore deve stare in carica la tua batteria!

Non ci credo!

Scommetto che anche tu metti in carica la sera le due o quattro batterie stilo per la tua macchina fotografica e poi il giorno dopo, quando ti ricordi le togli e le metti in macchina.

Sperando che non siano troppe ore o troppo poche! :-)

Bene, forse questa volta puoi adottare un metodo più preciso.

Ecco qui una bella mascherina per calcolare il tempo di carica per la tua batteria:

donna-macchinaPuò sembrare roba da film di fantascienza di serie B o pernsieri di uno squilibrato che ha perso il contatto con la realtà, credimi che preferirei che fosse così.

Senza tirare fuori troppi argomenti ti dico solo che alcuni ricercatori dell'università di Cambridge,

media-e-consumoHo ricevuto via email dall'amico Maurizio il link ad un post sul blog di Beppe Grillo in cui ricorda come negli anni '70 suo papà mantenesse tutta la famiglia (due figli), con lo stipendio da impiegato statale.
Oggi invece una giovane coppia non riesce ad arrivare a fine mese lavorando in due.

Forse oggi la gente butta i soldi nel superfluo? Un breve elenco potrebbe essere:

Consigli di Google

Link disconnessi

Alexandria Book Library

abook-button-blue

Backup MX

BackupMX

Cerca nel sito

Scegli un argomento