alla finestraCon oggi inauguriamo la nuova categoria racconti con "Gli occhi dell'anima" di Alarìco Bernardi, conosciuto, come (quasi) sempre succede, per caso e con cui siamo diventati "amici di penna" (nel senso che lui scrive e noi leggiamo!).
Nella speranza che questo sia l'inizio di una lunga serie di racconti, vi lasciamo a "Gli occhi dell'anima". Buona lettura!

Due uomini, entrambi gravemente ammalati, occupavano la stessa stanza d'ospedale. Uno dei due era costretto a restare seduto tutti i pomeriggi per espellere le secrezioni polmonari che gli impedivano di respirare bene. Il suo letto si trovava accanto all’unica finestra del locale.

L'altro, invece, doveva trascorrere le sue giornate supino. I compagni di sventura chiacchieravano per ore, raccontando delle mogli e delle relative famiglie. Tornavano con la mente agli episodi più buffi accaduti sul lavoro, al servizio militare e nei luoghi dove erano stati in vacanza.

Ogni pomeriggio, l'uomo vicino alla finestra passava il tempo a descrivere al compagno tutto ciò che vedeva all'esterno. Questi iniziò a vivere solo ed esclusivamente per quei momenti in cui il mondo gli si apriva davanti, mostrando la sua variopinta luminosità. La Casa di Cura si affacciava su un parco che cingeva un lago dai riflessi iridescenti. Le anatre e i cigni giocavano nelle acque cristalline, mentre i bambini facevano navigare i piccoli battelli, costruiti con pazienza durante l’inverno. Molta gente passeggiava per i viali alla ricerca di una panchina all'ombra.

Alcune coppie d'innamorati camminavano tra le aiuole, ridondanti di fiori policromi, contenti d'essere insieme. Fra i robusti tronchi degli alberi secolari si poteva scorgere la città lontana, avvolta nella caligine.
Quando il malato alla finestra descriveva tutto questo, il compagno chiudeva gli occhi, abbandonandosi all'immaginazione.

Un pomeriggio, una parata militare sfilava da quelle parti, interrompendo la musica della fanfara in rispetto del luogo di cura. Sebbene l'uomo nel letto non l'avesse potuta vedere, riuscì comunque ad ammirarla nella sua marziale imponenza, grazie alla dettagliata descrizione dell'amico.

Una mattina, all'ora del bagno, un'infermiera trovò il corpo esanime dell’uomo vicino alla finestra. Era morto nel sonno. Rattristata, chiamò i colleghi dell'obitorio perché venissero a ritirare il cadavere. 

L'altro degente lasciò passare alcuni giorni, poi, chiese se poteva essere spostato in prossimità della finestra. L’infermiera, felice di potergli accordare quel piccolo favore, si allontanò soddisfatta, lasciandolo solo. L'uomo si sollevò un poco, appoggiandosi su un sostegno per gettare un primo, rapido sguardo all’esterno. Finalmente avrebbe avuto la gioia di vedere con i propri occhi quanto gli era stato descritto.

Si girò verso la finestra e… tutto ciò che vide fu un muro! Stupito, domandò all'infermiera perché il suo compagno gli avesse dipinto tutta un'altra realtà. La donna spiegò che quell’uomo era completamente cieco. "Forse ha solamente voluto darle coraggio!" commentò. 

Si prova una gioia indicibile nel rendere felici gli altri, ignorando le proprie sofferenze. 
La pena condivisa riduce a metà il dolore, ma la felicità, una volta condivisa, si ritrova raddoppiata. 
Se volete sentirvi ricchi, non avete che da contare, tra tutte le cose che possedete, quelle che il denaro non può acquistare. 
L'oggi è un regalo ed è per questo che si chiama "presente".

Alarìco Bernardi

Commenti  

0 #1 gli occhi dell\'animaanita e melita 2010-02-28 17:11
:lol:
Come i vostri articoli anche il primo racconto è stato bellissimo!
Grazie! perchè ci arricchite sempre di nuove vedute...
Un abbraccio
Anita e Melita
Citazione

abook-button-blue

BackupMX

Cerca nel sito